Looks like the MINI you've been you-ifying hasn't been saved. If you'd like to come back and keep tinkering, save it and give it a sweet name so you can pick up where you left off

 

Your unique MINI, Your unique MINI,

La tua MINI - esterni La tua MINI - interni

COMING SOON!

author.product-selector.pdhNotAvailable.disclaimerInfo.text This component is currently unavailable. But feel free to look around. And come back soon if you can’t find what you’re looking for this time.
Dakar Rally - MINI Peterhansel

CON JOHN COOPER WORKS ALLA VITTORIA DEL RALLY DAKAR.

INTERVISTA CON STÉPHANE PETERHANSEL, VINCITORE DA RECORD.

MINI vince per la sesta volta il Rally Dakar sotto la guida di Stéphane Peterhansel, ormai 14 volte vincitore, e del suo copilota Edouard Boulanger. Dopo dodici ardue tappe attraverso il deserto dell’Arabia Saudita, la MINI John Cooper Works Buggy è infine salita in cima al podio. Si tratta di una performance straordinaria, di cui la famiglia MINI è incredibilmente orgogliosa. Abbiamo voluto saperne di più dal nostro vincitore Stéphane Peterhansel.

Cosa significa per lei la vittoria alla Dakar 2021?

Questa vittoria è stata molto importante per me. Il mio ultimo successo risaliva ormai a quattro anni fa e ora sono anche il primo e unico pilota ad aver vinto la Dakar in tutti e tre i continenti. Questa è stata inoltre la dimostrazione che anche dopo 30 anni dalla mia prima vittoria sono ancora in grado di correre ai massimi livelli!

Dakar Rally - MINI Peterhansel

Lei ha già vinto la Dakar otto volte in auto, di cui tre con MINI. Qual è la chiave di questo successo?

Vedo la chiave nel mio impegno personale, nel lavoro che ho svolto su me stesso e nello sviluppo dell’auto in team, ma soprattutto nella mia motivazione. Ho ancora una gran voglia di vincere e questo sport mi appassiona come il primo giorno!

Dakar Rally - MINI Peterhansel

«La chiave sono l’impegno e la motivazione.»

Quest’anno ha vinto una sola delle dodici tappe, ma ha comunque vinto la classifica generale. Il motivo di questo risiede nelle sue costanti prestazioni elevate, nell’affidabilità del team e in quella dell’auto?

Sì, sicuramente. La Dakar è una maratona in cui non sempre vince il pilota più veloce. È importante andare avanti senza fermarsi per problemi tecnici, non sbagliare mai strada e avere una buona strategia in mente. Serve anche intelligenza per le corse!

Qual è stato il momento che le è rimasto più impresso durante la gara e che cosa prova quando ci ripensa?

È stato durante la nona tappa, quando siamo riusciti a portarci in forte vantaggio e a dominare la gara in modo decisivo. Da lì in poi sapevamo che ci stavamo avvicinando alla vittoria!
È stato un bel momento anche quando sono arrivato al traguardo insieme al mio copilota Edouard Boulanger, che ha celebrato una vittoria già subito alla sua prima gara!

Quali ripercussioni ha avuto il COVID-19 sulla sua stagione? È stato molto difficile per lei come pilota e per il team?

È stato complicato occuparsi dei preparativi, soprattutto quelli riguardanti lo sviluppo della vettura. Spesso testiamo i nuovi componenti in Marocco, dove troviamo tutte le condizioni giuste, come le dune e le piste veloci e sassose. Quest’anno non è stato possibile. Sono mancate anche le piccole gare per la preparazione e i test, così che tecnicamente non potevamo essere sicuri al 100%. Per me come pilota non è stato un problema. Durante la Dakar non abbiamo avuto altre difficoltà, la gara si è svolta nel rispetto delle regole di sicurezza stabilite.

Dakar Rally - MINI Peterhansel

Secondo lei perché MINI è risultata vincitrice già sei volte nella classifica generale della Dakar?

Perché MINI è una base molto affidabile e potente e il team X-raid sotto la guida del suo responsabile Sven Quandt fa un lavoro eccezionale, sia per quanto riguarda lo sviluppo della vettura che la logistica sul posto.

Dakar Rally - MINI Peterhansel

«MINI è una base molto affidabile e potente.»

In qualità di ambasciatore del marchio lei fa parte della storia di MINI. Cosa significa questo per lei?

Sono molto orgoglioso di far parte della famiglia MINI e di avere contribuito a scrivere un capitolo della storia dell’automobilismo.

Ringraziamo vivamente Stéphane Peterhansel ed Edouard Boulanger per il magnifico risultato e auguriamo loro tanti altri successi in futuro.