RECYCLING. VITA NUOVA PER L’USATO.

RECYCLING.

La vostra MINI è passata a miglior vita. Se sentite queste parole, saprete che è stata lei a volerlo. Fin dall’inizio MINI punta sul design sostenibile: materiali riutilizzabili, carrozzerie facilmente scomponibili. Alla fine la vettura viene praticamente smontata per poter riutilizzare le parti migliori. Tutte le sostanze nocive vengono separate dall’auto, le materie prime smistate e, dopo il riciclaggio, riutilizzate.

carrozzeria.

In seguito allo smontaggio le parti della carrozzeria MINI vengono separate e rimpicciolite per poi essere riutilizzate per vari scopi, dal recupero dell’energia all’ulteriore lavorazione. Naturalmente le probabilità che in futuro questi componenti diano vita a una nuova MINI sono buone.

VETRI.

Trasparenti come il riciclaggio vetri MINI: parabrezza, lunotto e finestrini della MINI fuori uso vengono inviati in una fabbrica di riciclaggio del vetro. E poiché il vetro riciclato è una delle materie prime principali per l’industria del vetro, non è da escludere che un vecchio parabrezza MINI un giorno torni a essere parte di una MINI.

 

I cocci non si gettano neanche per il trasformatore, in cui il vetro riciclato si sente a proprio agio.

catalizzatore.

Del riciclaggio MINI fanno parte anche i metalli nobili: il platino contenuto nel catalizzatore viene riutilizzato nella produzione di nuovi catalizzatori.

BATTERIA.

Batterie per l’eternità? Bè, quasi. Il piombo delle batterie MINI viene fuso negli stabilimenti previsti a tale scopo e quindi riutilizzato nella produzione di nuove batterie.

CERCHI IN LEGA LEGGERA.

Non si fermano mai: anche i cerchi in lega leggera MINI sono destinati alla fusione. Dall’alluminio che se ne ricava è poi possibile produrre nuovi cerchi.

olio motore.

Una liquidità che non si prosciuga mai: dopo aver liberato la MINI da tutti i lubrificanti, l’olio viene raffinato e può eventualmente tornare da dove è venuto, cioè nel motore della vostra MINI. O in qualsiasi altro punto che deve essere lubrificato.